Si, stupendo, mi viene il vomito, è più forte di me...

Si, stupendo, mi viene il vomito, è più forte di me...

Inizio questo articolo con le parole di una canzone di Vasco che, tra l’altro, è il cantante preferito di Valentino. Sono le parole che mi vengono in mente se mi metto nei panni di Rossi. Stupendo, questo binomio Rossi-Ducati, per tutta la stampa ed il marketing mondiale. Ha fornito fiumi di inchiostro e di parole a migliaia di giornalisti, programmi TV, gente da bar, esperti e non. E questo è qualcosa di positivo, per noi, per gli appassionati, per i giornalisti.

Ma se mi metto nei panni di Rossi mi viene il vomito, appunto.

Non sono un pilota (anche se in alcune fasi della mia vita mi ci sono avvicinato o, quanto meno, l’ho sperato e sognato con una tale forza da fami venire le lacrime agli occhi). Eppure capisco che se entri in pista e non guidi ti viene da vomitare, per lo meno per l’incazzatura che ti prendi quando finisci il turno o la gara.

Molti (tra cui Max Temporali) dicono che Rossi si sta comportando male perché manca di rispetto alla Ducati, che tanto ha fatto e sta facendo per lui.  

Ma credete che un pilota che ha vinto 9 mondiali, a 33 anni, con un amico morto appena sei mesi fa, si metta a rischiare l’osso del collo per arrivare sesto? Chi, tranne Stoner (cadendo), ha provato a spremere la Ducati fino al midollo? Vi ricordate Hayden alle prime uscite con la Desmosedici? Ha fatto certi botti che la sua schiena ancora implora perdono. O lo stesso Rossi, che è caduto nel 2011 forse più del primo anno in 125. E Capirossi, da tutti considerato il cuor di leone, quello che non molla mai? L’anno scorso vagava per la pista; si ok, era sulla via del tramonto, ma dopo aver preso comunque forti botte in terra non si metteva certo a rischiare per un decimo posto.

E Melandri? Certo, proprio lui, il “brocco” della MotoGP, quello che nel 2006 ha fatto secondo nel mondiale con la Honda e che al Mugello ha passato Rossi e Biaggi in un colpo solo in fondo al dritto. Secondo voi è andato in Ducati per smettere di guidare?

Mi vien da dire, quindi, che qui nessuno sta mancando di rispetto a nessuno, perché se avere rispetto significa mettere a rischio la propria vita, allora ben venga la mancanza di rispetto. I piloti rischiano la vita già solo perché entrano in pista. E sono disposti ad aumentare questo rischio per raggiungere un sogno: vincere. Ma se questo sogno svanisce in partenza, non si può certo chiedere a Valentino di far finta di niente. Forse lo si poteva chiedere ad uno giovanissimo Stoner che, a mio avviso, oggi non sarebbe certo disposto a fare altrettanto.

Se Rossi avesse detto, per ipotesi: “Ducati maledetta, io mi sono fatto un mazzo così e loro stavano al bar a giocare a carte”, beh, allora Temporali avrebbe ragione. Ma così non è.

Credo quindi che entrambi, squadra e pilota, abbiano fatto moltissimo per trovare una soluzione vincente e si siano rispettati a vicenda. Ad oggi non ce l’hanno fatta. Bisogna prenderne atto e, nel frattempo, trovare un’alternativa che consenta ad entrambi di riconquistare il sorriso, possibilmente senza rimetterci le penne.

Rossi, nonostante tutto, ha creduto in Ducati, e viceversa. Il matrimonio non ha funzionato. Liberi di trovare un partner più adatto, consapevoli che ognuno ha fatto il proprio lavoro per salvare la coppia!

comments powered by Disqus

Altri commenti

Reckless

Ciò che non condivido della tua analisi è il fatto che Valentino abbia dichiarato che questa moto se l'è quasi cucita addosso come voleva lui, cosa che non è stata praticamente fatta per nessun altro.
Ciò che fa specie è tutto qui, basta leggere cosa dice il Dicos, è lì nero su bianco...

Inserito: 10 aprile 2012
lucajoebar

Valentino non ha mai dichiarato questo. Valentino è un pilota, dà indicazioni sul comportamento della moto e fa richieste sulle evoluzioni di questo comportamento. Il pilota non progetta, il pilota non mette mano alla meccanica. Il pilota guida, sente la moto, dice come va e come vorrebbe che andasse. Rossi non ha chiesto un telaio perimetrale, ha chiesto una moto più morbida. Preziosi ha ritenuto che fosse possibile renderla più morbida col perimetrale. Questi cambiamenti richiedono anni di sviluppo, di simulazioni (parlo di calcoli strutturali), di prove. Valentino non ha più l'età per aspettare, l Ducati non ha più la possibilità di assecondare le sue richieste. Fine.

Inserito: 10 aprile 2012
lemon81

Sono d'accordo con lucajoebar. Rossi può dire quali sono le aree in cui la moto va migliorata, poi spetta allo staff tecnico decidere cosa fare. La M1 del 2004 l'ha progettata la Yamaha, mica Valentino!! Lui ha chiesto un certo tipo di moto e la Yamaha è stata in grado di farla. La Ducati no. Ecco tutto.

Inserito: 10 aprile 2012
Maffezza

Ma credete che un pilota che ha vinto 9 mondiali, a 33 anni, con un amico morto appena sei mesi fa, si metta a rischiare l’osso del collo per arrivare sesto?

SI, altrimenti non sei un pilota, ma uno qualsiasi che porta a spasso per la pista un pezzo di ferro come fosse un cane a pisciare.
Si, se oltretutto prendi una barca di soldi ed è il tuo lavoro.
Si, perché preferisco 1000 volte vedere Xaus, Ceccotto, Lavado, Checcazzonesò sdraiarsi anche nel warm up che un Capirossi versione ultimi anni che stava in pista per finire i bollini della pensione ed intervistato dichiarava "abbiamo lavorato bene, siamo andati bene, ecc..."
Ma quanti cazzo eravate su sta moto?!?!?
Si lo credo, o più che altro lo spero, perché non posso pensare che uno scenda il pista senza dare il meglio di se, perché altrimenti è meglio piantarla li e starsene a casa a giocare con twitter, LAMPS!

Inserito: 11 aprile 2012
lemon81

Inserito: 11 aprile 2012
lemon81

E' vero, Rossi dovrebbe avere il coraggio di dire: ok, io questa moto così non la guido, per cui pago sta cazzo di penale e mi cerco un'alternativa immediata o futura.

Ma ciò non toglie che dopo un anno e mezzo di sudori freddi, di speranze, di promesse, di interviste sempre col solito disco, uno si possa pure rompere le palle di stare a combattere con un cancello. Soprattutto nella sua condizione. Rimango comunque dell'idea che secondo me ha sbagliato ad andare in Ducati, e lo dicevo anche molto prima che ci mettesse sopra il sedere...

Inserito: 11 aprile 2012
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Sempre in testa(ta)


Articoli più letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Yamaha R6 Cup: Emili sotto il diluvio

Yamaha R6 Cup: Emili sotto il diluvio
in Campionati e trofei nazionali

CIV: Panigale alla prima vittoria!

CIV: Panigale alla prima vittoria!
in Campionati e trofei nazionali

Qatar: il borsino del GP

Qatar: il borsino del GP
in Motomondiale

LA PAGELLETTA DELLA PASQUETTA

LA PAGELLETTA DELLA PASQUETTA
in Il blog di desmoskull